Registratore spia, con Calamita e Batteria integrata a lunga durata per 7 giorni di registrazione continua Occhiali con Telecamera da sole o tipo da vista perfettamente invisibile Full HD per riprese a lunga durata

Nato Tecnologie Emergenti e Disruptive: Una Nuova Era

nato

Nato. Le tecnologie emergenti e disruptive (EDT) come l’intelligenza artificiale (AI), i sistemi autonomi e le tecnologie quantistiche stanno cambiando il mondo e il modo in cui la NATO opera.

Queste tecnologie presentano sia rischi che opportunità per la NATO e i suoi alleati. Ecco perché l’Alleanza sta lavorando con partner del settore pubblico e privato, l’accademia e la società civile per sviluppare e adottare nuove tecnologie, stabilire principi internazionali di uso responsabile e mantenere il vantaggio tecnologico della NATO attraverso l’innovazione.

Perché la NATO si preoccupa delle EDT?

Le tecnologie emergenti e disruptive (EDT) stanno diventando sempre più pervasivi in tutti gli aspetti della vita, influenzando non solo i settori come l’elettronica e il commercio, ma anche la sicurezza globale e le operazioni militari.

Queste tecnologie stanno avendo un impatto profondo sulla sicurezza, offrendo nuove opportunità per le forze militari della NATO, aiutandole a diventare più efficaci, resilienti, economicamente efficienti e sostenibili.

LEGGI ANCHE: Come Diventare Agente Segreto. I Servizi Segreti Italiani sono alla Ricerca di Nuovi Talenti

Tuttavia, le EDT rappresentano anche nuove minacce. Gli attori statali e non statali possono sfruttare queste tecnologie per scopi militari o per attaccare la società civile.

Ad esempio, l’intelligenza artificiale e i sistemi autonomi possono essere utilizzati per creare armi più sofisticate o per condurre attacchi cibernetici.

Allo stesso modo, le tecnologie quantistiche potrebbero potenzialmente rompere i sistemi di crittografia esistenti, mettendo a rischio la sicurezza delle comunicazioni.

Il concetto strategico della NATO del 2022

che definisce le principali sfide che l’Alleanza deve affrontare e delinea come la NATO affronterà queste sfide, riflette questo contesto in cambiamento.

Afferma che le EDT portano sia opportunità che rischi, e che stanno cambiando il carattere del conflitto, acquisendo una maggiore importanza strategica e diventando arene chiave della competizione globale.

Per affrontare queste sfide, gli alleati hanno concordato nel concetto strategico di promuovere l’innovazione e aumentare gli investimenti nelle EDT per mantenere l’interoperabilità della NATO e il vantaggio militare.

Gli alleati lavoreranno insieme per adottare e integrare nuove tecnologie, cooperare con il settore privato, proteggere i loro ecosistemi di innovazione, definire gli standard e impegnarsi a principi di uso responsabile che riflettono i valori democratici e i diritti umani dell’Alleanza.

In conclusione, la NATO si preoccupa delle EDT perché queste tecnologie stanno cambiando il panorama della sicurezza globale.

L’Alleanza riconosce sia le opportunità che i rischi associati a queste tecnologie e sta lavorando per sviluppare strategie e politiche che permettano di sfruttare i benefici delle EDT, pur mitigando i rischi.

La strategia EDT della NATO

Nel febbraio 2021, i ministri della Difesa della NATO hanno approvato una strategia sulle tecnologie emergenti e disruptive (EDT) per guidare lo sviluppo della politica EDT della NATO in specifiche aree tematiche. Questa strategia, denominata “Foster and Protect: NATO’s Coherent Implementation Strategy on Emerging and Disruptive Technologies”, è l’approccio globale della NATO per gestire la sua relazione con le EDT.

La strategia si concentra su due aree principali:

  1. Favorire un approccio coerente allo sviluppo e all’adozione di tecnologie dual-use: Queste sono tecnologie che si concentrano sui mercati e gli usi commerciali, ma possono avere anche applicazioni di difesa e sicurezza. L’obiettivo è rafforzare il vantaggio dell’Alleanza.
  2. Creare un forum per gli alleati per proteggere le loro EDT dall’essere utilizzate contro di loro da potenziali avversari e concorrenti: Questi obiettivi sono fondamentali per garantire che la NATO mantenga la sua dominanza strategica ed efficace.

Le attività di innovazione della NATO si concentrano attualmente su nove aree tecnologiche prioritarie:

  • Intelligenza Artificiale (AI)
  • Autonomia
  • Tecnologie Quantistiche
  • Biotecnologie e Miglioramento Umano
  • Sistemi Ipersonici
  • Spazio
  • Nuovi Materiali e Produzione
  • Energia e Propulsione
  • Reti di Comunicazione di Prossima Generazione

L’Alleanza sta sviluppando piani specifici per ciascuna di queste aree tecnologiche chiave. Queste strategie stanno preparando il terreno per la NATO per accelerare l’innovazione responsabile e l’adozione rapida di tecnologie moderne, al fine di migliorare il processo decisionale e guidare l’innovazione transatlantica per la difesa e la sicurezza in conformità con i valori, le norme e il diritto internazionale degli Alleati.

Un elemento chiave per tutte le EDT è il dato. La NATO sta rafforzando i suoi sforzi di sfruttamento dei dati attraverso la sua Politica Quadro e il Piano Strategico. In linea con l’appello del Concetto Strategico a accelerare la trasformazione digitale dell’Alleanza, la NATO ha anche sviluppato una Strategia di Implementazione per la trasformazione digitale.

In sintesi, la strategia EDT della NATO è un approccio coerente e mirato per gestire l’interazione dell’Alleanza con le tecnologie emergenti e disruptive, con l’obiettivo di mantenere il vantaggio tecnologico della NATO e garantire la sicurezza dei suoi membri.

Come la NATO favorisce lo sviluppo e l’adozione delle EDT?

Per affrontare le sfide critiche di oggi e di domani, la NATO interagisce direttamente con le comunità di innovatori sul campo.

Attraverso nuove iniziative e organi progettati per favorire l’innovazione nelle EDT e proteggere tali sforzi da potenziali avversari e concorrenti, la NATO svolge un ruolo attivo nel coltivare un ecosistema di innovazione transatlantico per la difesa e la sicurezza.

Evoluzione

La NATO sostiene l’innovazione, sia nelle forze armate alleate che nelle proprie capacità, da quando è stata fondata più di 70 anni fa.

Tuttavia, la nuova ondata di tecnologie emergenti e disruptive sta creando cambiamenti rapidi e su larga scala, non solo nella vita quotidiana, ma anche nella sicurezza e nella difesa.

In conclusione, l’era delle tecnologie emergenti e disruptive ha aperto un nuovo capitolo per la NATO.

L’Alleanza si sta adattando a questa nuova realtà, lavorando per sviluppare e adottare nuove tecnologie, stabilire principi di uso responsabile e mantenere il suo vantaggio tecnologico attraverso l’innovazione.

Questo impegno per l’innovazione è fondamentale per garantire che rimanga pronta ad affrontare le sfide di domani.

Post correlati