Videosorveglianza. Quando dovresti scegliere un sistema wireless?

La comodità di un sistema wireless è allettante quando si acquista un sistema di videosorveglianza.

Videosorveglianza. Si dispone di una maggiore flessibilità per l’installazione delle telecamere e si può limitare il numero di cavi da eseguire collegandosi alle telecamere spia tramite Internet WiFi.

Ma sai come funziona questa tecnologia e in quali situazioni è più adatta?

Quando si parla di sistemi di videosorveglianza wireless, si parla in realtà di due diversi tipi di tecnologia: le telecamere wifi e il collegamento wireless point-to-point.

Telecamere Wifi

Le telecamere wifi all-in-one sono apprezzate dai proprietari di case e dalle piccole imprese. Queste fotocamere sono piccole, economiche e facili da usare.

Dovrebbero essere usati solo in piccoli sistemi, perché avere troppe telecamere wifi su una rete potrebbe sovraccaricare la larghezza di banda.

Queste telecamere hanno caratteristiche di base, quindi se hai bisogno di una funzione specifica o di funzionalità avanzate le tue opzioni saranno limitate.

Va anche notato che pochissime fotocamere funzionano a batteria – anche una telecamera wifi deve essere collegata alla corrente 220v per poter funzionare.

Wireless punto a punto

Se è necessario installare più telecamere su una vasta area e richiedono funzionalità specifiche o avanzate, un sistema wireless point-to-point è un’opzione molto migliore.

Questo tipo di sistema consente di trasformare un sistema IP in un sistema wireless collegando telecamere con antenne wireless.

Questi sistemi utilizzano potenti antenne per collegarsi a grandi distanze (anche se dovrebbero avere una visuale ideale), come collegare sistemi di sorveglianza in più edifici in un campus universitario o in un negozio al dettaglio e nel suo garage.

L’antenna wireless collegata alle telecamere wifi comunicherà con la base, collegandola al tuo NVR o VMS.

Anche le telecamere di questi sistemi richiedono alimentazione e non sono azionate dalla batteria.

Autore dell'articolo: polinet